Primavera di libri

Aeroporti, luoghi d’ovatta, calma filodiffusa sulla moquette. Qui Amsterdam Schiphol, uno dei miei preferiti in assoluto, se non altro c’è il free wi-fi e passo il tempo dato che ho finito il libro del comodino di maggio (Stefano Tassinari -“D’altri tempi”- uno scrittore che tra l’altro ci ha lasciati da pochissimo e troppo presto, circa due settimane fa. Si tratta di dieci testi tutti legati tra loro e incentrati su personaggi e fatti reali avvenuti negli anni Settanta: dall’ex chitarrista dei Rolling Stones, Brian Jones, ai due studenti uccisi dalle forze dell’ordine, Roberto Franceschi e Francesco Lorusso; dal Festival di Parco Lambro alla morte in un manicomio giudiziario dell’attrice del Living Theater, Carolyn Lobravico; dal “Bloody Sunday” irlandese ai desaparecidos argentini e all’ultimo prigioniero garrotato dal regime di Francisco Franco; dall’eliminazione del leader del Black Panther Party all’apertura degli ospedali psichiatrici).
Maggio è stato una primavera di libri e non solo per via della XXV edizione del Salone del Libro di Torino appena concluso. Per varie coincidenze me ne sono stati regalati molti in pochi giorni: Francesca, nuova amica e direi affidabilissima lettrice, ha scelto per me “La ballata di Iza” di Magda Szabò e “I falò dell’autunno” di Irene Nemirovsky. Pietro invece mi ha straraccomandato, nonchè donato, “Respiro Corto” di Massimo Carlotto.
Infine, ieri pomeriggio a Torino presso il Centro Studi Piero Gobetti è stato presentato un libretto (il diminuitivo è per le dimensioni, ma non certo per il contenuto) intitolato “Global Labour History” di cui curatore e traduttore è Christian De Vito (Honorary fellow presso l’International Institute of Social History di Amsterdam, si occupa di storia sociale del Novecento e partecipa a movimenti impegnati nella promozione dei diritti sociali e civili). Tra i suoi ultimi lavori ricordo “Camosci e girachiavi. Storia del carcere in Italia 1943-2007” (Laterza, 2009) e “Mondo operaio e cristianesimo di base. L’esperienza dell’Isolotto di Firenze” (Ediesse, 2011).
La segnalazione che faccio di questo testo, direi più rivolto agli addetti ai lavori (storici e affini), ha in particolare una valenza affettiva, come si può intuire dal cognome dell’autore.
L’evento mi ha dato l’occasione di ritornare al Centro Gobetti (Via Fabro, 6) che per me è un luogo di memoria e di tenerezza, ed è stato bello ritornarci “da grandi”, intravedere la scala che portava nei sotterranei alla Biblioteca Antonicelli dove ho trascorso tanti pomeriggi della mia infanzia seduta per terra, minuscola sotto quelle pareti di libri, perdendomi magicamente nei racconti per bambini di Ada Marchesini Gobetti, di Rodari, di Primo Levi o dentro le Fiabe Italiane di Calvino, lette e rilette cento volte. Ed era solo l’inizio. Che dire, è stato emozionante, Christian, sentire Carla Gobetti farti i complimenti e chiederti il tuo libro autografato. Segno che il tempo è passato, ma è passato bene.

Fotografia (B. De Vito, novembre 2008): “City Lights Bookstore”, libreria indipendente e casa editrice fondata nel 1953 dal poeta Lawrence Ferlinghetti, specializzata in letteratura internazionale, arte e politica per la promozione dei diritti civili e sociali. (261, Columbus Avenue – San Francisco, CA)

Annunci

Informazioni su Badev

Looking for poetry in this and that.
Questa voce è stata pubblicata in People around me, Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Primavera di libri

  1. Chiara P. ha detto:

    Oh, bellissima La ballata di Iza, ma tienila per i giorni di sole, perchè è un libro che di nuvole ne contiene già tante (oppure – secondo i gusti, ma a tuo rischio e pericolo – tienilo per i giorni di pioggia, così che il bigio paia attenuato…). Peccato non averti incontrata al Salone e salutata prima della partenza, io ero sempre lì alle edizioni Codice!
    Ma sei già pronta per giubilare la regina millenaria? Bacioni
    Chiara

  2. Pingback: Firenze, lo sai. | il pentolino per il mate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...