Archivi del mese: Mag 2012

Biancomangiare

Se un giorno vi capiterà di passare per Ragusa Ibla, fermatevi a dormire al Bed and Breakfast di Palazzo Castro, non soltanto per le stelle, la luna e la Cupola Di San Giorgio che esploderanno nella notte silenziosa sulla terrazza … Continua a leggere

Pubblicato in Frequent flyer | Contrassegnato , , , , | 7 commenti

Ne jetez aucun reve par la fenetre

Lei dormiva ripiegata in curve di sogni che il vetro, accanto, le rapiva. Udiva distintamente la voce della donna con troppo rossetto e del ragazzo con molti buchi ancora nella barba. Con gli occhi chiusi, li vedeva parlare. E sentiva, … Continua a leggere

Pubblicato in People around me | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

A matita

Rue da Savoie, le mie dita sparpagliate sulla tua faccia, tutto da ridisegnare. L’Italia era la scatola delle pastiglie Leone in penombra sulla scrivania. Tu non hai fumato per l’intero fine settimana e abbiamo mangiato solo la torta al rabarbaro … Continua a leggere

Pubblicato in Les belles histoires | Contrassegnato , , | 6 commenti

La vita non è uno scherzo. Prendila sul serio come fa lo scoiattolo, ad esempio.

Quell’anno, il 2006, fu un agosto di bombe piazzate con regolarità lungo tutta la Turchia, anche a Istanbul dove su un minibus morirono tre inglesi e noi il minibus lo prendevamo tutti i giorni. Certo che non era la guerra, … Continua a leggere

Pubblicato in Frequent flyer | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Interior design

Utrecht, interno giorno. Non era la vetrina di un negozio di cucine, era la loro cucina. E io, senza volerlo, con la mia zampa infilata nell’acquario delle loro vite, come un’ispezione dell’Ufficio d’Igiene, invece io – ve lo giuro – … Continua a leggere

Pubblicato in Frequent flyer | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

Jack in the box

Alle vendemmie di questi anni. Alle battaglie foriere d’uva. Ai castelli incantati e poi disincantati, ai soldatini caduti, trafitti da un raggio di sole, ai cavalli vincenti, ai non significa niente, agli affittasi, ai vendesi, ai pensami. Alle parole, a … Continua a leggere

Pubblicato in Interior whereabouts | 16 commenti

Quello che conta è scrivere

“Fernando Pessoa chiuse gli occhiali e si addormentò e quelli che scrivevano per lui lo lasciarono solo finalmente solo… Così la pioggia obliqua di Lisbona lo abbandonò e finalmente la finì di fingere fogli di fare male ai fogli…” Così … Continua a leggere

Pubblicato in Frequent flyer | Contrassegnato , , , , , | 4 commenti