Archivi tag: miamor

To dream, dreamed, dreamt. (Irregular creatures)

Il professore ha voce e mani morbide, ma le tiene chiuse e strette, come mandorle. Galleggia su Lione come un tappo di sughero, sospinto a balzelli dal freddo verso il suo hotel; la luna, incastrata tra due nuvole, ha quel … Continua a leggere

Pubblicato in Interior whereabouts, Les belles histoires | Contrassegnato , , , , , , | 25 commenti

Vermouth

Sul treno per Buenos Aires tu sia la fila di denti che mi sorride nel riflesso del finestrino. Che tu sia domani l’occhio bello, quello della cartolina dalle Magdalen Islands, la vocina con l’accento québécois che mi fa ancora sempre … Continua a leggere

Pubblicato in Poetry | Contrassegnato , , , | 9 commenti

L’aeròstato

L’aerostato sorvolò i pochi tetti dell’isola e, passando, gli sollevò un po’ di peso dal cuore. Dalla finestra, divenuta all’improvviso meno cartesiana, entrò una boccata di irrealtà, un cielo color pastello, un ricordo di letture ad alta voce accanto al … Continua a leggere

Pubblicato in Les belles histoires | Contrassegnato , , , , , , , , , | 15 commenti